Fratel Gustavo *25.10.1919 +10.7.1996

97 anni fa nasceva Fratel Gustavo. Gustavo

L’attuale edificio, in Largo Tabacchi, ad un tempo cappella e locale per la mensa, è stato da Lui denominato “Centro Andrea”, in memoria di un bimbo prematuramente morto dopo poche settimane di vita, figlio di due sposi tra i più attivi giovani volontari impegnatisi nella Messa del Povero.

Questa dedica è densa di significati, è come un omaggio alla vita, nei nostri tempi così minacciata, sin dal suo primo sbocciare, o nel suo declinare, e proprio in quelle situazioni di rischio e di vecchiaia, in cui molti assistiti dell’Opera possono trovarsi.

In particolare fr. Gustavo ha non solo curato la formazione dei giovani impegnati nell’Opera, da Lui denominati volontari lasalliani, ma li ha seguiti con amore paterno, nella prospettiva di un loro inserimento nell’Unione Catechisti, come ebbe più volte a dichiarare.

Ricordiamo dal suo testamento:

« Ho incontrato Gesù!! Mi ha fatto vedere le Sue sante Piaghe prima ancora che io gli facessi vedere le mie così penose ».

« Le Sue sante Piaghe che ho adorato ogni giorno e più volte al giorno, e mi ha detto che anche se anch’io avevo concorso e quanto! a fargliele, esse erano la mia salvezza.

Ho incontrato la Mamma sua e mia: mi ha aperto le braccia, e dimenticando tutto di questo povero figlio, mi ha accolto come se accogliesse Gesù! »

«Ringrazio Dio, e ringraziaLo anche tu con me, perché mi ha chiamato ad essere FRATELLO delle Scuole Cristiane e, non solo!, ma mi ha tenuto nella vita religiosa: quante volte avrebbe dovuto allontanarmi!! Non ho nulla di mio! Ringrazio Dio che mi ha fatto nascere povero e che mi ha concesso, per grazia Sua, di non cercare le comodità e il benessere. Le malattie così varie e così precoci mi hanno tolto tante velleità, tanti desideri di star bene e di usare delle cose di questo mondo: è stata una grande grazia! Senza merito mio!

Ai “POVERI” di Dio che ho conosciuto nella “Messa del Povero” il saluto più affettuoso: vi ho amati e qualche piccolo sacrificio l’ho fatto per voi, e questo senza presunzione e senza vanto. Quanti segni di affetto mi avete dato in vita: ora li ricambio a voi tutti con la carezza, l’abbraccio, il servizio, il dono, il bacio. Vi sarò vicino nella vostra vita tribolata. Continuino le Suore, i Catechisti, i Salesiani, i Fratelli, tutti i volontari Lasalliani, gli amici e tutti quanti, a volersi veramente bene.

Fr. Gustavo Luigi Furfaro fsc 

Questa voce è stata pubblicata in News. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *